A sipario calato

DSCF7246Con lo splendido esordio del Il Rompiballe, nella versione de Gli Instabili, del 26 luglio, si è conclusa la seconda edizione di Un Palcoscenico su Tortona.
Che dire, nonostante sia stato un impegno meno gravoso dello scorso anno (non abbiamo dovuto montare e smontare il palco in giornata tutte le volte, per lo meno), è stata comunque un’impresa. E siamo davvero felici che sia stata portata a termine così brillantemente.
Come sempre abbiamo avuto l’indispensabile aiuto di diverse persone, che, in cambio di nulla, ci hanno dato un più di una mano per realizzare le quattro serate.

Ci associamo, pertanto, ai calorosi ringraziamenti che il nostro Matteo Maiocchi ha fatto sulla sua pagina Facebook, riportandoli qui e facendoli nostri. Perché, in fondo, tali sono.

Maiocchi talks!

Maiocchi talks!

Secondo anno di “Un Palcoscenico su Tortona” e secondi ringraziamenti a rassegna conclusa.
Partiamo quindi da quelli più importanti.

E quindi grazie alla signora Loredana Santagostino e a Alessandro Bisio.
La prima per i panini che ci hanno sfamato alla fine dell’ultima, interminabile giornata di rassegna, il secondo per essersi messo a disposizione per un sabato intero per venire a montare il palco della sua ex compagnia teatrale (che poi ex non sarà mai).

Perché sono voluto partire da questi ringraziamenti e non da altri magari più “ufficiali”?
Perché è da gesti come questi che si qualifica una manifestazione come la nostra.

Quando un’Associazione senza scopo di lucro mette in piedi una manifestazione dal nulla, chiedendo permessi su permessi e anticipando totalmente tutte le spese, sono la buona volontà delle persone, la loro spontanea partecipazione e i piccoli favori ricevuti a fare la reale differenza.

E questo è quello che è successo per il secondo anno di “Un Palcoscenico su Tortona”.

Fare una carrellata su tutto quanto è successo in questo mese sarebbe veramente lunghissimo e non voglio stancare nessuno.

Per ogni Compagnia che ha partecipato dovrei raccontare aneddoti sulle prove, sugli spettacoli, e sulle persone straordinarie di cui erano composte. Perché è proprio così. Non è piaggeria la mia.

Se devo tirare una conclusione su tutto quello che abbiamo organizzato nel cortile dello Chalet in questo mese di luglio, la prima cosa che ricordo è quanto siano state incredibili le persone che hanno partecipato all’evento di quest’anno.
Persone che hanno capito alla perfezione lo spirito e le possibilità di una rassegna di teatro amatoriale organizzata in un parco all’aperto, e che si sono rimboccate le maniche assieme a noi per rendere le singole serate quanto di meglio si potesse offrire al pubblico presente.
E quindi un enorme grazie va a tutti loro. Attori, registi e tecnici vari che hanno animato la nostra rassegna per quattro lunghissime settimane.

A Daniela, Gerardo, Carlo, Pompeo, Giancarlo, Lorenza e a tutti, ma proprio tutti loro: grazie!
Porterò dentro di me a lungo le belle parole che ci siamo detti e scritti alla fine di tutti gli spettacoli.

E passiamo ora ai ringraziamenti sparsi. Perché dargli un ordine di importanza sarebbe impossibile.

Grazie al pubblico, che ci ha seguito fedelmente per quattro diversissimi spettacoli. Speriamo di avervi divertiti!
Grazie al nostro elettricista Aldo Zanotti per esserci sempre stato, sabato dopo sabato.
Così come un grazie enorme va a Giovanni Ardizzone per averci prestato tutta l’attrezzatura audio per l’intera rassegna.
E grazie anche a Roberto Bozzi per averci aiutato a montare mixer e casse.
Grazie a Amilcare Schenone per le splendide foto.
Grazie agli Artefatti per le luci prestate quando le nostre tardavano ad arrivare.
Grazie a Stefano Vercelli per i viaggi in camioncino a spostare sedie e scenografie di giorno e di notte.
Grazie ai ragazzi del Servizio Civile e al loro boss Filippo Arata per averci sopportato e supportato in questo lungo mese di prove e spettacoli.
Grazie al Circolo del Cinema, altrimenti detto Roberto Santagostino, per averci dato un’enorme mano per la stampa delle locandine e per i vari comunicati dell’ultimo momento mandati via mail per confermare gli spettacoli malgrado il brutto tempo.

Ecco! Magari un po’ meno grazie al tempo. Che ci ha costretto a dei traslochi dell’ultim’ora all’interno dello chalet. L’unico lato positivo è stato, per lo meno, poter aprire e chiudere la rassegna all’aperto.

E grazie all’Amministrazione Comunale per averci concesso quel meraviglioso spazio di aggregazione che è lo Chalet Castello.
Un piccolo suggerimento per il futuro: sfruttatelo al meglio. Sarebbe un crimine non farlo.

Grazie, a tutti. Di cuore.

Matteo e tutti i T360

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Eventi, vita360 e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...